Ti sei mai chiesto come sia possibile che in modo automatico sali le scale sempre con lo stesso piede, scrivi sempre con la stessa mano, guardi attraverso la serratura con lo stesso occhio?

Tutto questo possiamo farlo grazie ad una dominanza che viene a crearsi nei primi anni di vita. Il cervello identifica e sviluppa maggior sensibilità celebrale in un occhio e questo diventa il dominante, ovvero colui che dovrà condurci nel mondo consentendoci di muoversi e di rimanere in equilibrio.

Le informazioni che arrivano da Lui hanno la priorità e a livello corticale questo comporta un maggior numero di collegamenti neurologici.

Guiderà le nostre mani, i nostri piedi, il nostro corpo… controllerà, senza nemmeno rendercene conto, il nostro MOVIMENTO!

Grazie a lui infiliamo la chiave nella toppa, afferriamo un bicchiere, leggiamo senza perdere il segno, saliamo le scale, evitiamo gli ostacoli o tiriamo la palla al canestro.

Ha la responsabilità di farci sentire STABILI ed in EQUILIBRIO.

Essendo il “capitano della nave”  NON deve vedere male! 

Pensaci, lasceresti alla guida una persona che vede male? ci faresti affidamento? Ti sentiresti tranquill@?

E quindi importante conoscere quel’è il TUO occhio dominante ed essere certi che ci veda bene!

Come si fa?! Scopriamolo insieme…

Il test è molto semplice e pui farlo tranquillamente a casa tua.

  1. Mettiti in piedi e prendi un riferimento visivo distante che sia all’altezza dei tuoi occhi.
  2. Afferra tra le mani un rotolo di carta igienica (si hai capito bene! E’ ciò che rende il test più affidabile e attendibile) e distendendo le braccia, tese, davanti a Te, fai in modo che ciò che stai guardando “cada” dentro al rotolo! Come se fosse un monocolo…

L’occhio che osserva attraverso il tubo è il Tuo occhio DOMINANTE!!!

Come avrai capito questo occhio NON deve vedere male, altrimenti come può fare bene il suo lavoro di guida?!

Quindi indossa gli occhiali (se li porti) e copri alternativamente i due occhi e prova a capire quale, secondo te, vede meglio tra i due…

Nel caso tu scoprissi di avere più difficoltà con il tuo occhio dominate, ti consiglio di prenotare un approfondimento visivo!

Piccoli disturbi e sintomi quotidiani come, storte, dolori alla schiena, dolore cervicale, appoggi erreti di un piede, e di conseguenza dolori ripetuti nel tempo in modo ricorrente possono derivare proprio da un problema dell’occhio dominante!

Quando l’occhio dominante non è ben integrato nel sistema visivo e posturale, il corpo adotta delle strategie che siano funzionali alle azioni quotidiane e ci consente di “andare avanti”…

Ma quali possono essere i disturbi legati all’occhio dominante?

  • vedere meno dell’altro occhio (anche con gli occhiali in uso, magari è cambiata la gradazione)
  • essere più debole muscolarmente comportando difficoltà di movimento nell’esplorazione dello spazio
  • non riuscire a lavorare bene insieme all’altro occhio quando li teniamo tutti e due aperti, in quel caso le abilità di percezione della profondità e delle distanze vengono inficiate
  • in quanto dominante è anche quello più “sensibile” a cui il cervello riserva un’ attenzione particolare e tutto ciò che gli succede (botte, traumi, uso di farmaci etc…) viene registrato con maggior importanza

Attraverso un’ attenta analisi visiva e posturale si indagano tutte le abilità dove l’occhio dominante ricopre un ruolo fondamentale, in questo modo si individua la strada giusta per risolvere i sintomi e i disturbi presenti.

Lavorare in modo integrato con altre professioni accorgia i tempi e rende il trattamento meno faticoso e divertente.

Parliamo quindi di trattamenti Visuo Posturali che escono dal semplice concetto di “esame della vista” per entrare nel complesso mondo della VISIONE!

 

Ti faccio i miei complimenti!

Visto che sei arrivato fino alla fine e spero che l’articolo ti sia piaciuto voglio farti un regalo, clicca qui e scarica subito la GUIDA PRATICA GRATUITA PER LA VISTA.

 

-Ci vediamo a studio-

Martina